martedì 16 aprile 2019

Recensione "Stranger Things. Il libro ufficiale" di Gina McIntyre

Buongiorno a tutti!
Ieri giornata speciale perchè ho festeggiato i miei 42 anni... suono di trombe... pranzo fuori col maritino che mi ha fatto la sorpresa di portarmi in un ristorante giapponese. Ho ingurgitato 32 rotolini di sushi, che dire... piena ma soddisfatta, e poi nel pomeriggio torta e candeline! Il marito sa come farmi felice :D Rinnovo i miei ringraziamenti per i vostri auguri su FB e IG, siete stati veramente tantissimi <3
In questi giorni invece mi son data alla pazza gioia nel rivedere la serie di Stranger Things su Netflix accompagnata dalla guida ufficiale e non serve dirvelo ma per una nerd come me è stato bellissimo! Di seguito qualche dettaglio in più! :D 
Titolo: Stranger Things. Il libro ufficiale
Autore: Gina McIntyre
Genere: Science Fiction
Pagine: 224
Editore: Sperling & Kupfer
Data di uscita: 19 Marzo 2019



Al suo debutto su Netflix, nell'estate del 2016, "Stranger Things" ha entusiasmato la critica e milioni di spettatori in tutto il pianeta. La serie vincitrice di cinque Emmy deve il suo successo soprattutto al passaparola che ha superato ogni divario generazionale. Ma anche ai suoi personaggi, che sono entrati nel cuore del pubblico, alle sue atmosfere, alla rievocazione del mondo degli anni Ottanta, oltre che a una trama geniale e accattivante. Grazie a questo libro, i fan potranno immergersi in quel passato esplorando i lati segreti di Hawkins e della serie tv che è già diventata un cult. Arricchito da fotografie e illustrazioni originali, con contenuti inediti ed esclusivi, "Stranger Things. Il libro ufficiale" è una guida ai dietro le quinte delle prime due stagioni e oltre. All'interno troverete: la prefazione e i commenti dei creatori della serie, Matt e Ross Duffer; interviste esclusive con le star dello show, compresi Millie Bobby Brown, Finn Wolfhard e David Harbour; la storia della serie: dalle prime versioni della sceneggiatura, rifiutata da moltissimi produttori, alla presentazione a Netflix, ai casting; rivelazioni su come i fratelli Duffer hanno scelto di far evolvere la trama; le testimonianze di tutti i membri della troupe, dai costumisti agli scenografi, dai compositori agli specialisti di effetti speciali; tutti i riferimenti culturali che hanno ispirato le atmosfere visive, musicali ed emotive della serie, dai libri di Stephen King ai film di Spielberg; una mappa di Hawkins - con indizi sulla rete del Sottosopra; il dischetto con il codice Morse utilizzato da Undici - per poter decifrare i messaggi nascosti nel libro; uno sguardo al futuro della serie, con anticipazioni sulla terza stagione.

Stranger Things nasce come un film di 8 ore, suddiviso poi in episodi, con il titolo di Montauk... o meglio questa era l'idea iniziale dei fratelli Matt e Ross Duffer che hanno dato vita a questa storia. Successivamente, dato il clamoroso successo, hanno dovuto cambiare rotta e, non che questa scelta sia stata infelice, hanno ben pensato di continuarla non solo con una seconda stagione... ma anche con una terza, che dovrebbe partire proprio questa estate a luglio.
Ma qual è il punto forte di questa serie, perché ha colpito tanto? Oltre ad una trama avvincente e originale, quello che è piaciuto è il fatto che saremo catapultati indietro nel passato, l'ambientazione infatti sarà quella dei magnifici anni '80, anni in cui io ho vissuto e che ricordo con tanta nostalgia.
Sono gli anni di Spielberg, King, Carpenter...  i Goonies, Ghostbusters, i Gremlins, Wargames... chi come me è nato in quegli anni saprà sicuramente di cosa sto parlando, e ditemi se tutte queste citazioni non vi  hanno già fatto battere il cuore!
La serie non è altro che un insieme di tutti questi elementi, uniti in una trama originale che può benissimo essere catalogata come nata in quel periodo.

Siamo a Hawkins nell'Indiana, una cittadina apparentemente tranquilla in cui nelle immediate vicinanze si trova un laboratorio in cui vengono fatti esperimenti segreti. Un giorno qualcosa andrà storto e una creatura misteriosa creerà qualche complicazione, poco dopo un ragazzino sparirà.... e non aggiungo altro, perché vorrei che se doveste vederlo per la prima volta, sia tutta una sorpresa, come è stato per me.
Vi sfido comunque a vedere i primi 8 minuti, vi bastano per innamorarvi di questa serie. La prima scena all'interno del laboratorio da i primi assaggi di adrenalina e ansia. Poi i ragazzi che giocano a Dungeon & Dragons nel seminterrato, i dadi che si perdono... è tardi, bisogna tornare a casa... la corsa con le bici... la musica elettronica così anni '80 inizia piano e aumenta di intensità... e poi il piccolo Will che scappa inseguito da qualcuno o qualcosa. Questi sono solo i primi 8 minuti e bastano queste poche scene e il vostro cuore si gonfierà di pura eccitazione, sui vostri occhi  spunterà  quella scintilla... si proprio quella... quando si ha quella sensazione impalpabile per aver scoperto qualcosa di grande e la consapevolezza che davanti a voi si prospetta un'avventura fantastica.
Forse non si è ancora capito ma io adoro questa serie... e quando ho scoperto che sarebbe uscito il libro ufficiale, sapevo già che DOVEVA essere mio; una volta giunto tra le mie frenetiche mani, mi son bastate le prime parole per capire che avevo fatto la scelta giusta e i fratelli Duffer stavano proprio parlando con me!
Ci ricevete? Questo è un libro per nerd. Ripetiamo. Questo è un libro per nerd. Quindi, se state leggendo queste righe, congratulazioni: siete nerd!
Ma parliamo un po' di questo libro che ripercorrerà sia la prima che la seconda stagione e ci darà qualche informazione anche sulla terza. Oltre alla storia di come è nato il tutto troveremo tantissimi inserti. Dalle schede di ogni personaggio con relativo attore, alle idee per come sono state girate le scene, quindi il making of e qualche immagine dietro le quinte. Per un fan della serie questo libro è un must e non si può non possedere! Bellissima la parte in cui viene spiegato come è stato progettato il costume del Demogorgone, che è interpretato da un attore vero e non è semplicemente frutto della Computer grafica.
Divertenti anche gli interventi degli attori stessi che ci renderanno partecipi della loro esperienza nello girare alcune scene forti e paurose. Tante curiosità, aneddoti e immagini inedite renderanno questo libro uno scrigno pieno di segreti tutti da scoprire...
Ma non è finita perché in alcune pagine ci sono dei segni composti da puntini e linee.... in pratica i geni dei fratelli hanno ben pensato di lasciarci un messaggio in codice morse! Quando l'ho scoperto non potete immaginare la mia eccitazione! e alla fine del libro ci hanno concesso un cartellino con l'alfabeto Morse proprio per decifrarne il codice. Sembrerebbe una filastrocca di difficile interpretazione... credo che con la terza stagione ne sapremo di più... almeno spero!
La cover stessa ha il suo fascino, è rovinata agli angoli come se si fosse usurata nel tempo e anche all'interno ci sono delle macchie come se il libro venisse direttamente dagli anni 80. Nulla è stato lasciato al caso, ci regalano anche la cartina della città.
Cosa posso dirvi ancora per convincervi che questa serie è una bomba e che questo libro è la ciliegina sulla torta? Ovviamente per me 5 stelle meritate ;)

7 commenti:

  1. Lo voglio!!! Amo questa serie tv. ❤❤❤❤ Stranger Things è stata la serie tv che mi ha fatto venir voglia di aprire il blog.

    RispondiElimina
  2. Sembra interessante, grazie per la recensione

    RispondiElimina
  3. Auguri in ritardo! Questa sarà una delle prossime serie che vedrò su Netflix e sicuramente leggerò anche il libro :)

    RispondiElimina
  4. Lo voglio asssssolutamente!!!!!!!!

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Se quello che ho scritto ti è piaciuto, lascia un segno del tuo passaggio. Te ne sarò grata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...