venerdì 21 giugno 2019

Recensione "Il caso dei sessantasei secondi" di Tommaso Percivale

Buongiorno!
Come avevo anticipato nella rubrica del mercoledì mancava veramente poco alla fine del libro di Tommaso Percivale: "Il caso dei sessantasei secondi". Un libro letto in due giorni, che non si fa mollare neanche per un minuto... un giallo, un caso da risolvere, quattro ragazze intraprendenti e un tremo che si ferma in una stazione per soli sessantasei secondi... 
Titolo: Il caso dei sessantasei secondi
Autore: Tommaso Percivale
Editore: Mondadori
Pagine: 180
Genere: Giallo, Libri per ragazzi
Data di uscita: 19 Marzo 2019

Un trafiletto sul "Morning Post" attira l'attenzione di Lucky, Kaja, Candice e Mei Li, quattro inseparabili amiche accumunate dalla grande passione per la ricerca della verità. Nell'annuncio, una donna che viaggia tutte le sere sulla tratta Maryleborne- Aylesbury si lamenta del fatto che il treno fa una fermata non prevista in una stazione fantasma, e che questa fermata dura sempre sessantasei secondi esatti. Il caso incuriosisce le ragazze che si mettono sulle tracce del treno di mezzanotte e finiscono dritte nei sotterranei di Londra. Convocate dalla Regina Vittoria in persona. Ad attenderle ci sarà un complotto in cui sono coinvolti il capo dello spionaggio inglese, il medico personale della regina, una banda di sicari internazionali e un marinaio irlandese, che li aiuterà nell' indagine degna del più celebre degli investigatori. 

Geniale... la prima parola che mi è venuta in mente appena finito il libro e, come seconda... adorabile!
Come sempre non ricordo mai la trama dei libri che inizio, proprio perché dall'uscita alla mia lettura passano tanti giorni se non settimane... e quando inizio una storia nuova per me è un punto interrogativo... sempre!
Inizio dicendo che questo è un giallo per ragazzi dai 9 ai 12 anni, ma che ho amato tantissimo. Come ho detto tante altre volte, essendo una eterna Peter Pan, io amo questo genere di libri e a volte sono migliori di quelli adatti alla mia età...anche se poi secondo me nessun libro ha un'età (eliminando gli erotici ovviamente!)
Il caso dei sessantasei secondi si apre narrandoci quattro storie... all'inizio presa da situazioni diverse con protagonisti differenti, non riuscivo a capire nulla... le storie talmente diverse e lontane tra loro mi hanno dato una sensazione di spiazzamento totale. L'unico fattore comune è che sono tutte ambientate a Londra e la monarchia è retta dalla regina Vittoria. Siamo alle prese con un medico che non sa cosa stia succedendo al suo paziente, tutte le cure possibili non servono... la situazione è critica. Il paziente non è altro che il capo dello spionaggio inglese, grande pupillo della regina che non si capacita della sua repentina malattia. Secondo lei dietro c'è dell'altro, secondo lei dietro c'è un attentato alla salute del suo fidato. Ci troveremo poi in nave, con un mozzo irlandese sfruttato che dovrà consegnare una cassa rossa "maledetta"; saremo come Alice dentro ad un tunnel buio senza sapere cosa stiamo cercando e fattore più importante... verremo a sapere che un treno farà una fermata di sessantasei secondi esatti in una fermata fantasma...
<<Sessantacinque... sessantasei. Ci siamo.>> Aveva ragione.Dopo sessantasei secondi esatti, il treno ripartì. << Anche questa volta>> osservò la donna, ritraendosi con una certa soddisfazione. <<Il treno si ferma qui per sessantasei secondi. E nessuno scende, e nessuno sale. Ha visto qualcuno salire, lei?>Lo studente scosse la testa con aria meditabonda. << Ecco. Per l'appunto.>>
Non voglio aggiungere altro perché il bello di questo libro è quando i vari pezzi del puzzle si incastrano... la mia meraviglia è stata enorme e non voglio assolutamente anticiparvi nulla.
L'autore che non conoscevo, mi ha incantata con la sua scrittura, fluida e soprattutto descrittiva, che però non annoia... i dettagli essenziali ci daranno il totale quadro della situazione. Percepiremo perfettamente le scene come vissute in prima persona... saremo dentro ad ogni vicenda come se fosse reale. Vivremo con loro ogni scoperta...
Un treno che si ferma ad una fermata e rimane là per poco più di un minuto, ogni giorno, una fermata non segnalata in nessuna mappa...e quando la protagonista dirà di averne capito il mistero io, che invece non avevo capito nulla, sono rimasta basita e nello stesso tempo affascinata... Tanti piccoli misteri svelati e risolti che poi si uniranno in un'unica grande rivelazione.
Lucy Blackstone, Mei Li Bradford, Candice King e Kaja Bandhura... quattro ragazze intraprendenti, ognuna con un suo carattere distintivo, tutte e quattro, totalmente differenti tra loro, saranno le protagoniste di questo giallo da risolvere. Una storia alla Sherlock Holmes dove a poco a poco si sbroglia la matassa e ti accompagna fino al gran finale.  Bello, bello, bello... leggetelo!


Recensione di

15 commenti:

  1. Anch'io sono solita leggere la trama solo una volta, la prima volta quando poi decido se leggerlo o no... e mi piace scoprire le storie man mano che le leggo. Mi piacciono i gialli e i libri per ragazzi sono spesso delle bellissime sorprese di gioia. Lo leggerò sicuramente... bella recensione ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di sapere che non solo la sola che non rilegge le trame prima di iniziare un libro :P
      Fammi sapere poi se ti è piaciuto

      Elimina
  2. Mi hai definitivamente convinta, lo leggerò sicuramente!

    RispondiElimina
  3. Mi hai incuriosita. Sembra davvero interessante! Lo farò leggere a mia figlia durante le vacanze estive. Le piacerà di sicuro perchè ci sono tutti gli ingredienti che apprezza in una storia: avventura e mistero. E lo leggerò anch'io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiii bravissima, ottima idea! Le piacerà di sicuro... poi però voglio sapere se avevo torto ;)

      Elimina
  4. mi hai incuriosito molto. ciao

    RispondiElimina
  5. Sembra davvero interessante. Ottima recensione!!!

    RispondiElimina
  6. Adoro i gialli, me lo segno ;)

    RispondiElimina
  7. Quasi quasi lo regalo a mia nipote... e poi me lo faccio prestare! :D

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Se quello che ho scritto ti è piaciuto, lascia un segno del tuo passaggio. Te ne sarò grata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...