martedì 27 novembre 2018

Recensione "Il canto degli abissi" di Valentina Piazza


Buongiorno a tutti!
Stamattina mi sento come Doroty del mondo di Oz, il vento che c'è è tremendo... speriamo di non volare via :P
Oggi voglio parlarvi di un libro che mi ha preso moltissimo, "Il canto degli abissi" di Valentina Piazza; mi è piaciuto molto, è la prima volta che leggo una sua opera e penso proprio che non sarà l'ultima. Brava Valentina, mi hai conquistata!
Titolo: Il canto degli abissi
Autrice: Valentina Piazza
Genere: Fantasy
Pagine: 200
Editore: Literary Romance
Data di uscita: 5 Novembre



Dicembre, 1900. James Ducat è il sovrintendente al faro dell’isola di Eilean Mor; lo accompagnano due fidati marinai, il vecchio Thomas Marshal e il giovane Donald McArthur. Tutti loro sono a conoscenza dei misteri del luogo, ma non se ne lasciano sopraffare se non quando è proprio James a sentirne il richiamo. Il canto che lo ammalia ha la voce di donna, è soave, è potente. Sfidando i compagni e le leggi stesse della natura, James Ducat cede a quella voce, mettendo tutti in pericolo…
Giorni nostri. Gli inspiegabili fatti accaduti al faro, non hanno trovato ancora risposta e la sede della Northern Lighthouse Board, ha insabbiato ogni cosa da decenni ormai. Quando, Morgan Ducat, decide di far chiarezza sulla misteriosa scomparsa del suo avo, si ritrova a combattere con la diffidenza della Società che gestisce la funzionalità dei fari. Soprattutto quello di Eilean Mor.Tuttavia, le carte di cui è in possesso, possono aiutarla a fare chiarezza sulle tante voci che si rincorrono riguardo alla misteriosa scomparsa dei guardiani del faro. Scortata sull’isola da Jacob Hollsen, il dirigente della Northern, inizia le proprie ricerche per scoprire la verità e, a mano a mano che esplora l’isola, la cappella diroccata e il faro stesso in cui risiede, riporta a galla suppellettili che il mare sembra volerle mostrare. Finché non sente anche lei il canto degli abissi…


Nessuno può immaginare quanto io adori il mondo sottomarino, le sirene poi sono così plausibili che potrebbero anche essere vere per me. Questa figura mitica bellissima ma anche crudele... ammetto che preferisco la versione della Sirenetta quando la creatura degli abissi è buona e gentile, e salva i bellissimi marinai, invece di attirarli a se per ucciderli...
Così quando ho visto il libro di Valentina Piazza e sopratutto la magnifica cover sapevo già che volevo e dovevo leggerlo.
Questo libro mi ha subito fatto pensare ad una cronaca vera, i fatti sono narrati come un diario di bordo, all'inizio di ogni capitolo la data e il soggetto a cui fa riferimento.
Fatti narrati con un alone di mistero che soltanto alla fine sarà svelato... un crescendo di emozioni e curiosità mi hanno intrattenuta fino alla fine. 
La narrazione è ricca di particolari, i paesaggi bellissimi e nello stesso tempo terrificanti. Ripide scogliere, onde che si infrangono sulle rocce, imbarcazioni che hanno difficoltà ad approdare, onde gonfie di rabbia... il quadro è ricco di colori e immagini, mancava soltanto il profumo della salsedine per avere i sensi appagati.
La storia ruota intorno ai tre guardiani del faro James Ducat, Thomas Marshall e Donald MacArthur, dispersi mentre lavoravano al faro di Eilean Mor, una delle sette isole a Ovest della Scozia. Dopo pochi giorni dal loro approdo qualcosa andò storto e di loro non se ne seppe più nulla. Il caso venne archiviato, dopo svariate ricerche senza portare a nulla, con la teoria che un'onda anomala li avesse trascinati via.
Tornando ai giorni d'oggi Morgan Ducat, parente di uno dei guardiani, non ha ancora smesso di sperare per capire cosa sia successo veramente su quell'isola, così decide di recarsi sul luogo stesso e cercare prove per dare un senso a tutto.
Questo libro mi ha stupita. Sono stata coinvolta a 360°  da una scrittura fluida e avvincente. I fatti vengono narrati tra passato e presente con molta bravura. Quello che mi ha emozionata è stato sapere che la storia dei tre uomini dispersi è un fatto vero e non esiste cosa più affascinante che leggere di qualcosa di romanzato avvolto e intrecciato a fatti realmente accaduti, soprattutto quanto aleggia tutto intorno al mistero, perché ad oggi non si sa realmente cosa sia accaduto su quell'isola. 
Valentina Piazza ci mette di fronte la sua teoria, inventata ovviamente, ma che non vi nascondo essere così particolareggiata da sembrare possibile. Ho provato ansia a stare tra le quattro mura di quel faro, ma anche tanta meraviglia e voglia di viverla in prima persona, nell'ammirare il paesaggio dall'altezza del faro.
Un aspetto ancora più affascinante e da lodare è la versione originaria attribuita alle sue sirene; mostri marini di aspetto incantevole ma che nascondono un lato aggressivo e perfido.
<<Le sirene sono dei demoni maligni;se mai ne vedessi una, mi volterei e scapperei più lontano possibile, altro che desiderarla!>>
Io non so come esprimere il fatto che terminato il libro mi è rimasta quella sensazione di turbamento e angoscia che si ha quando si legge qualcosa che ti entra dentro, quando i fatti si impadroniscono di te e ti portano a volerne sapere di più (per fortuna esiste google); ho cercato immagini, ho voluto vedere con i miei occhi quest'isola magica e terrificante su "google maps"... sto desiderando di fare un viaggio e recarmi personalmente i quei luoghi e mettere piede in quella spiaggetta, trovare la grotta ed addentrarmi nelle sue scure dimore, ma sopratutto sentire il rumore delle onde e il richiamo del canto degli abissi.

11 commenti:

  1. Bellissima recensione Simo Simis, che mi trova perfettamente d'accordo. Anche io ho letto questo libro e mi è piaciuto molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille... e si questo libro mi ha veramente affascinata!

      Elimina
  2. Avevo già notato questo romanz0 perché ha molti elementi in comune con Abissal Love della Goldrose.
    Ne cito due: il titolo è le sirene aggressive...

    RispondiElimina
  3. Bellissima recensione, quasi quasi me lo segno!

    RispondiElimina
  4. Direi stupendo...già mi immedesimavo leggendo la recensione...Bel libro

    RispondiElimina
  5. Sembra una figata *-* (per essere molto fine e raffinata ahahah)

    RispondiElimina
  6. È un romanzo molto interessante, ottima la recensione!

    RispondiElimina
  7. Libro interessante. Anche a me piace il mondo degli abissi e sono sempre stata attirata dalle storie sulle sirene. Ottima recensione, come sempre. Forse lo leggerò. Mi hai incuriosito.

    RispondiElimina
  8. Sembra molto bello e anche interessante per questo accenno storico. Penso di leggerlo sicuramente ;)

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Se quello che ho scritto ti è piaciuto, lascia un segno del tuo passaggio. Te ne sarò grata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...