giovedì 12 luglio 2018

Recensione "Iron Flowers" di Tracy Banghart


Buongiorno amici lettori!
La settimana volge al termine e ho deciso che domani sera vado a farmi il week-end al mare dai miei genitori. Non vi nascondo che mi dispiace lasciare il PC a casa, ma staccare male non fa no? Sono proprio una nerd!
Non so nemmeno se avrò tempo per leggere, perchè ci sarà mia sorella con la piccola di otto anni e so già che tra genitori, sorellanza e nipotame non ci sarà tempo per stare su una sdraio con un libro... vedremo! Intanto in questi giorni ho finito il libro della DeA, Iron Flowers e che dire, stupendo!!!

Titolo: Iron Flowers
Autrice: Tracy Banghart
Genere: Fantasy Young Adult
Pagine: 386
Serie: #1
Casa Editrice: DeA Planeta
Data di Pubblicazione: 29 Maggio 2018

Link di acquisto:


Quando non c'è soluzione, l'unica soluzione è cambiare le regole, e a volte bastano due sole donne per farlo.

In un mondo governato dagli uomini, in cui le donne non hanno alcun diritto, due sorelle non potrebbero essere più diverse l'una dall'altra. Nomi è testarda e ribelle. Serina è gentile e romantica e ha sempre desiderato diventare una delle Grazie, una delle mogli del principe. Ma il giorno in cui le due ragazze si recano a palazzo, Nomi come ancella, Serina come candidata Grazia, accade qualcosa di inaspettato che cambierà per sempre le loro vite. Perché contro ogni previsione è proprio Nomi a essere scelta dal principe come sua donna, non Serina... E mentre per Nomi inizia così una vita a palazzo, tra sfarzo e pericolosi intrighi di corte, Serina, accusata di tradimento per aver mostrato di saper leggere, viene confi nata nell'isola di Monte Rovina, una prigione di donne ribelli in cui per sopravvivere occorre combattere e uccidere. Per entrambe, la fuga è impossibile e un solo errore potrebbe signifi care la morte. 



A Viridia, come giovane donna, il massimo dell'onore e dell'aspirazione è quello di essere scelta come Grazia dell'Erede.
Questo avrebbe portato all'intera famiglia ricchezza e non più sofferenza. A Viridia infatti la popolazione vive di stenti, ma soprattutto le donne sono completamente sottomesse al genere maschile. Non possono studiare, non possono alzare la testa, devono solo lavorare, fare le mogli e subire le decisioni degli uomini.
Il mondo creato dall'autrice è duro e spigoloso. Da donna, ammetto di aver un po' sofferto per questa sua immaginazione, ma a parte questo il libro mi è piaciuto molto.
Alle donne era proibito leggere. Alle donne era proibito quasi tutto, in realtà, tranne mettere al mondo figli, sgobbare in fabbrica e pulire la casa di uomini ricchi.
Serina e Nomi, sono due sorelle con due caratteri diametralmente opposti. Serina, gentile e raffinata,
che da tutta la vita si prepara a diventare una Grazia, è stata educata alle arti della musica, della danza e del ricamo, ma soprattutto alla devozione e sottomissione verso l'uomo; la sua è stata una educazione per compiacere l'Erede. La famiglia ha sacrificato tanto per aiutarla in questo, addirittura diminuendosi le razioni di cibo durante i pasti quotidiani per far crescere Serina florida e in carne. Nomi invece, insubordinata e restia a qualsiasi regola, viene invece educata a diventare l'ancella della sorella, imparando le dovute mansioni.
Durante l'ultima selezione, purtroppo la vita di entrambe verrà stravolta, o per meglio dire capovolta! 
Nomi verrà scelta dall'Erede al posto della sorella, che oltretutto, scoperta a leggere, viene punita e mandata sull'isola Monte Rovina, una sorta di prigione in cui vengono spedite tutte le donne che per un motivo e per un altro hanno trasgredito le regole.
Vedremo una Nomi, all'interno del palazzo, tra lussi e agi, che dovrà imparare le buone maniere, ad essere cortese, vestire abiti eleganti ma sopratutto a sottostare a delle regole che le stanno troppo strette. Dall'altro lato invece assisteremo alla disgrazia di Serina, che dovrà lottare per un tozzo di pane secco, oltre che per la propria vita...insomma una tragedia!
«Dovete essere forti come questa prigione, forti come la roccia e l’oceano che vi imprigionano. Voi siete fatte di cemento e filo spinato. Siete fatte di ferro».
Il racconto viene narrato alternativamente dalle due sorelle e ad ogni passaggio di POV (point of view = punto di vista) non riuscivo a smettere di leggere per  sapere come la storia progrediva... se non fosse che oltre al libro c'è una vita fuori tra impegni e orari, credo che non mi sarei mai fermata!
Due sorelle divise che hanno un solo obbiettivo: riuscire a salvare l'altra, ma sopratutto riunirsi.
La mia preferita è Serina, questo personaggio ha avuto una crescita fisica e interiore meravigliosa... una donna che ha saputo uscire le palle (scusate il termine) e che ha saputo reagire alla situazione, una donna da prendere come esempio per tutta la vita.

Sicuramente è un libro per giovani lettori, ci sono delle pecche strutturali e per chi ha letto abbastanza son cose che si notano e mancano. Non si ha un quadro ben delineato sulla società, la gente vive e sopporta queste condizioni come se fosse normale, vive in povertà ma non si lamenta nessuno; non si capisce se ci sono delle classi sociali, cioè abbiamo i monarchi e poi tutto il popolo che patisce.  La storia del regno è poco accennata, però chissà essendoci un secondo libro magari si avrà un quadro della situazione migliore, anche se di solito son cose che si dovrebbero far conoscere fin dall'inizio. In ogni caso se non si ci sofferma su queste cose il libro è ricco di emozioni.

Una storia coinvolgente, eccitante e piena di colpi di scena, fino alla fine... una scrittura scorrevole e piacevole... io me ne sono innamorata. Purtroppo il finale ci lascia male, troppo male...un cliffhanger ci abbandonerà con la bocca aperta in attesa di un seguito che purtroppo si farà attendere. 
Il secondo libro, che non ha ancora nemmeno un titolo, sarà pubblicato tra un anno e io mi auguro che l'autrice non ci faccia qualche brutta sorpresa perché un anno è già troppo!!!
In conclusione Iron Flowers, è un libro che consiglio, uno young adult più distopico che fantasy con un messaggio forte per tutte le donne: non abbattetevi mai e lottate per ciò che credete!

8 commenti:

  1. Ok signorina; non sapevo se iniziarlo, mi hai convinta! Ottima recensione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e ne sono felicissima perché so che ti piacerà tantissimo :D

      Elimina
  2. Era da un po' che sentivo parlare di questo libro e ne ero incuriosita. Avevo paura fosse qualcosa di già letto e riletto, ma dalla tua recensione invece mi pare di capire che si c'è qualcosa di The Selection, ma che invece è qualcosa di nuovo e molto bello. Bella recensione, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di The Selection c'è solo lo spunto della selezione delle Grazie, ma poi è completamente diverso :D
      Leggilo e poi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  3. Ci riprovo: ero già passata ieri, letta la recensione, scritto il commento, solo che la connessione "campagnola" mi ha tradito e non sono riuscita a pubblicarlo.
    Devo dire che mi ha colpito molto la tipologia di società in cui è ambientato il libro: come donna non oso pensare a dover vivere una condizione così discriminatoria. La recensione mi ha convinto: è perfetta. Però, visto il tipo di finale e le incertezze su quando sarà disponibile il seguito mi costringono ad aspettare. Non mi va di soffrire in attesa di sapere come andrà a finire :-(
    Sei già spaparanzata al sole? Felice weekend :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao ciccina...no ancora sono in città, andrò più tardi :P
      Si effettivamente altruisticamente parlando ti direi di aspettare il seguito, ma egoisticamente invece vorrei che lo leggessi subito perchè a me è piaciuto molto e vorrei che anche tu potessi usufruire di questo piacere :D

      Elimina
  4. Bella recensione e concordo con te, soprattutto sul messaggio che dà il romanzo!

    RispondiElimina
  5. Libro interessante, sicuramente più per un giovane pubblico. Bella recensione come sempre.

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Se quello che ho scritto ti è piaciuto, lascia un segno del tuo passaggio. Te ne sarò grata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...