domenica 11 febbraio 2018

Recensione "L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover


Buongiorno!
Dopo anni che lo volevo leggere, oggi finalmente ho finito l'Incastro (im)perfetto e WOW... sono triste e nello stesso tempo felice, un libro dolce ma anche molto amaro, ed a me l'amaro non piace per niente. Leggendolo sapevo che ci sarebbe stato il colpo di scena, lo aspettavo dietro l'angolo, ma la Hoover ti fa aspettare la fine, ovviamente... e ZAC... quando arriva resti senza parole!
Ho anche creato un sondaggio per le varie edizioni con le cover diverse, andate a votare se non l'avete ancora fatto! (QUI)
Va bene dai... leggete la recensione, spoiler free tranquilli :D



TITOLO: L'Incastro (im)perfetto
AUTRICE: Colleen Hoover
SERIE: Autoconclusivo
EDITORE: Leggereditore
DATA DI PUBBLICAZIONE: 27 Agosto 2015
GENERE: Contemporary Romance

Dati Audible
Versione Integrale
Narratore: Elisabetta GullìLuca Sbaragli
Data di pubblicazione: 14 Ottobre 2016
Durata: 7 ore e 55 min
Editore: Audible Studios

Puoi comprarlo su Amazon


Quando Tate Collins trova il pilota Miles Archer svenuto davanti alla sua porta di casa, non è decisamente amore a prima vista. Non si considerano neanche amici. Ciò che loro hanno, però, è un’innegabile reciproca attrazione.
Lui non cerca l’amore e lei non ha tempo per una relazione, ma la chimica tra loro non può essere ignorata. Una volta messi in chiaro i propri desideri, i due si rendono conto di aver trovato un accordo, almeno finchè Tate rispetterà due semplici regole: mai fare domande sul passato e non aspettarsi un futuro.
Tate cerca di convincersi che va tutto bene, ma presto si rende conto che è più difficile di quanto pensasse. Sarà in grado di dire di no a quel sexy pilota che abita proprio accanto a lei?

Anche questo libro l'ho ascoltato con audible, e mi è parecchio piaciuta l'idea che hanno avuto nel mettere due narratori: una donna per Tate (del presente) e un uomo per Miles (del passato); si perchè questo libro è narrato da due punti di vista differenti, per l'appunto il presente e il passato di Miles di 6 anni prima.

La storia inizia con l'arrivo di Tate, 23 anni a San Francisco a casa del fratello Corbin, per continuare gli studi da infermiera. 
Proprio all'arrivo, davanti alla porta di casa trova un uomo che dorme ubriaco e che le impedisce di entrare, chiamando il fratello al telefono scopre che quell'uomo è il suo amico e collega Miles che abita anche lui nello stesso piano dello stabile.
Tate riesce a metterlo sul divano e guardandolo ne rimane infatuata, perchè lui è bellissimo; una cosa la incuriosisce, Miles nel sonno ripete il nome di una certa Rachel.
L'indomani mattina  Miles non ricorda nulla.

Tra i due nasce subito un'attrazione irresistibile, purtroppo però Miles non volendo una storia seria, il perchè lo andremo a scoprire pian piano con la narrazione, mette in chiaro che la loro può essere solo una storia di solo sesso e che se a lei sta bene ci sono solo due regole da rispettare: mai chiedere del passato e mai pretendere qualcosa dal futuro.
Miles: «Non è che tu non mi piaccia, Tate.»Sospira stancamente e si passa le mani tra i capelli, afferrandosi il retro del collo. «È che non voglio che tu mi piaccia. Non voglio che mi piaccia nessuno. Non voglio frequentare nessuno. Non voglio amare nessuno. Io…» Torna a incrociare le braccia sul petto e abbassa gli occhi a terra «Ti voglio, ma ti voglio senza tutto il resto.»
Tate non riuscendo a resistergli, accetta queste regole, ma pian piano si rende conto che non era poi così facile farlo, chiedendosi perchè Miles sia così restio alle relazioni, cosa sia successo nel suo passato e chi sia questa Rachel; diverse volte cercherà di scalfire la sua corazza, ma quello che otterrà sarà solo di farlo allontanare sempre di più.

La Hoover ci propone una storia d'amore senza nulla da eccepire. Lo stile è sempre il suo, scorrevole e semplice. Le parole e i pensieri innamorati di Miles su Rachel mi facevano sorridere, forse anche troppo mielosi, ma quale ragazza non vorrebbe un uomo pazzamente innamorato?

L'unica cosa che mi ha tenuta incollata alla storia era la parte del diciottenne Miles, scoprire a poco a poco cosa era successo e cosa lui provava era ormai un pallino fisso e mi ha emozionata molto, quasi quasi quando la scena si spostava al presente ci rimanevo male, perchè quello che più mi interessava in tutto il libro erano per l'appunto Miles e Rachel.
Sinceramente per me questo libro ha come protagonista solo lui, questo libro, che da gioie e dolori, è la sua rinascita. Miles un ragazzo con le idee ben chiare che non ha paura di esprimere i suoi sentimenti, una persona con un carattere forte e deciso.

Quello che invece non mi è piaciuto molto è il fatto che oltre agli incontri di Tate e Miles nei loro appartamenti e due uscite casuali, le vicende tra loro due non cambiano scenario... si vedono, si baciano, fanno sesso... ok la storia tra i due è proprio basata sul sesso, quindi capisco che non potevano esserci dei contorni esterni, però a lungo andare mi sembrava tutto riduttivo e molto prevedibile.

In ogni caso consiglio questo libro perchè mi sono piaciuti molto gli ultimi capitoli, che danno a tutto il libro un significato e che ti lasciano un profondo solco di amarezza, perchè la vita è così ...imprevedibile e a volte troppo severa.

Dolce ma anche Amaro
Chi di voi lo ha già letto? 

16 commenti:

  1. Bellissimo! Mi è piaciuto tanto e ho pianto pure...

    RispondiElimina
  2. Mi trovi completamente d'accordo. Nel complesso mi è piaciuto e sicuramente ad un certo punto potrei anche rileggerlo, però per tutta la lettura mi sono chiesta dove fosse il contesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, in pratica tutto il libro è negli ultimi due/tre capitoli...

      Elimina
  3. Si la penso anch'io così, 13 capitoli in tutto, ma solo alcuni interessanti, i primi 2 dell'inizio e poi gli ultimi, tutto quello in mezzo, inutile...sopratutto tutto le parti Tate e Miles

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be dai...in mezzo però ci sono le parti di Miles e Rachel ;)

      Elimina
  4. Quando inizierò con la Hoover, inizierò proprio da questo - amo la cover originale e il fatto che sia amaro è solo un incentivo in più! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cover originale tra l'altro è perfetta, una volta finito il libro saprai il perchè... ;)

      Elimina
  5. Carino, ma non mi convince, passo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dargli una possibilità, il finale giustifica tutto ;)

      Elimina
  6. Eccola la recensione che aspettavo :) Concordo con te! Anche io ho apprezzato molto il doppio cambio di punto di vista e soprattutto il cambio del carattere di Miles fino alla scoperta del perchè del cambiamento che secondo me ha dato una nuova luce a tutto il romanzo, aumentandone il mio giudizio. Bello e commovente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sisi esatto, fino alla fine ti chiedi dove questo romanzo debba giungere e poi la rivelazione... e tutta la tua prospettiva cambia.

      Elimina
  7. Avevo già commentato, ma faccio copia e incolla di ciò che avevo scritto ;)
    Wow, Sims!! Leggere le tue parole mi hanno ricordato il momento in cui lo lessi, e le emozioni che hanno sortito in me :) una lettura davvero magnifica e indimenticabile :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccoti, ciao Gresi! Chissà cosa è successo col commento, cmq concordo che non dimenticherò mai questo libro ;)

      Elimina
  8. Mi manca all’appello questo libro però conto di riuscire a rimediare prima o poi anche se l’assenza di contesto non mi attira devo dire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso dirti che alla fine quello che più interessa è solo Miles... Ammetto che Tate, passa decisamente in secondo e anche terzo piano dopo che hai finito il libro. Quindi il fatto che tra loro non ci sia un contesto, alla fine importa poco.

      Elimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Se quello che ho scritto ti è piaciuto, lascia un segno del tuo passaggio. Te ne sarò grata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...