venerdì 29 aprile 2022

Recensione - "Me viè un po' da piagne" di Emiliano Luccisano

Buongiorno a tutti! Siamo giunti al venerdì e anche se la giornata fa un po' pena, infatti non c'è traccia di sole ma solo nuvole e nuvole, non importa, perché il weekend è alle porte :P In questi giorni comunque mi sono divertita a leggere il libro di un comico e attore televisivo, Emiliano Luccisano, non guardo più la televisione ormai da quando uso lo streaming, ma grazie a La Ruota Edizioni ho potuto conoscerlo. E' stato divertente ;)
Titolo:
 Me viè un po' da piagne
Autore: Emiliano Luccisano
Genere: Comico
Pagine: 138
Editore: La Ruota
Data di uscita: 15 dicembre 2021

IBS.it

AMAZON

"Le donne, gli uomini, il sesso e i social. Queste quattro cose prese singolarmente sarebbero pure piacevoli. Quando si mescolano, invece, creano più confusione del parrucchiere di Malgioglio. Sono anni che proviamo a capirci inutilmente qualcosa e, ogni volta che pensiamo di esserci riusciti, tutto il sistema si riavvia, tipo Windows 95 quando te mancava l’ultima pagina della tesina della maturità, ma ancora non avevi salvato. Ma se Windows 95 ci ha insegnato qualcosa, è proprio a salvare. A salvare il salvabile, ovviamente (oltre a passare ad Apple ma questa è un’altra storia). E noi abbiamo imparato la lezione? Assolutamente no. Noi continuiamo a vivere così, a buffo, seguendo il nostro istinto, il nostro intuito. E parlamose chiaro: vivere seguendo il nostro intuito è un po’ come attraversà il circuito de Monza bendati durante ’na gara de Formula 1, co’ le cuffie che pompano i Metallica. E la cosa straordinaria è che lo facciamo consapevolmente, per il gusto di perdere. In un mondo di libri motivazionali, questo vuole essere il primo libro demotivazionale della storia. Un punto di vista tragicomico sul mondo che ci circonda."
Ho sempre visto gli spettacoli comici in TV, personaggi noti che fanno monologhi e divertono noi ascoltatori, prendendo in giro loro stessi o principalmente noi tutti. 
Un tema fondamentale è la classica distinzione tra uomo e donna, lo sciorinare le differenze e criticare all'eccesso, dicendo però solo la verità che noi ci sentiamo addosso e che sicuramente abbiamo vissuto, inutile controbattere. Il ruolo del comico è comunque difficile, perché bisogna sempre inventarsi qualcosa di nuovo per intrattenere, senza cadere nella banalità o del classico "già sentito".
Onestamente non conoscevo Emiliano Luccisano, ma solo perché è ormai da anni che non guardo più la TV, ma lo streaming. Per me la comicità era Zelig con Bisio, finito quel programma non ne ho guardati altri.
Comunque... oltre La parola di Giobbe, letta forse a tredici anni, insieme a mia madre e mia sorella, non mi era più capitato di leggere un libro di un comico, ecco perché quando mi hanno proposto questa lettura anche se con un po' di timore mi son voluta imbarcare in questa avventura. La prova è stata superata e il mio caro Luccisano si è beccato le 4 stelle. 

Ho sorriso, lo posso dire con fierezza, sicuramente qualche parte non l'ho apprezzata in toto, perché troppo lontana dalla mia realtà vissuta, ma in linea di massima mi son divertita e le mie aspettative ben superate.
In questo libro l'autore tratta diversi argomenti, ognuno interpretato in modo originale e personale. Dalle differenze tra uomini e donne, ai disagi comuni a tutti che si vivono o che si hanno vissuto. Quello che mi ha fatto ridere di gusto è stato sopratutto il pezzo sui bagni pubblici, ma anche il buffet e il ristorante all you can eat, mai realtà più vera che accomuna ognuno di noi, nessuno escluso. Il gatto poi....
Il gatto ti bullizza e lo sai perché? Perché può. 
Il gatto dorme tutto il giorno perché sa che de giorno tu devi stà sveglio pe' forza, quindi datte fastidio sarebbe inutile come fa 'no sciopero de domenica. 
Ma la notte... ahhhh la notte... la notte no... la notte è diverso. Tu la notte vorresti dormire e questo lui lo sa. 
E lui è sveglio la notte.
E ce vede ar buio. 
Ce vede benissimo ar buio.
Mi ha divertito molto trovare anche i QRcode tra i capitoli. In totale sono tre e contengono dei video messaggi dell'autore stesso. Simpatici e carini!
L'unica critica è al dialetto romanesco. Non sono un'amante del dialetto scritto, nel parlato qualche frase, qualche battuta la accetto con piacere, ma nella scrittura mi infastidisce, ma questo è un mio limite, forse perché fondamentalmente mi rallenta la lettura. Comunque le frasi, che a volte sono anche periodi, non sono difficili da comprendere quindi non vi preoccupate che se l'ho letto io, possono farlo tutti :P

Recensione di

2 commenti:

  1. Intrigante, ottima recensione, grazie

    RispondiElimina
  2. A parte la Litizzetto, non leggo libri di comici, ma questo sembra divertente.

    RispondiElimina

I vostri commenti alimentano il mio blog!
Se quello che ho scritto ti è piaciuto, lascia un segno del tuo passaggio. Te ne sarò grata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...